sfondo testata


Percorso pagina:


Polizia locale / Prot. Civile

Comandante Savino Massimo

e-mail: pm@comune.castagnolepiemonte.to.it

Pec:      pm@pec.castagnolepiemonte.net

 

Orari ricevimento Polizia Municipale

Lunedì: dalle 11,00 alle 12,00

Ufficio commercio

Venerdì: dalle 10,00 alle 12,00


 

SCOUT SPEED

Ecco le informazioniCos’è lo “Scout Speed”?
Lo “Scout Speed” è una strumentazione elettronica per il rilevamento della velocità istantanea dei veicoli, installato a bordo dell’autovettura istituzionale “Alfa Romeo 159″ della Polizia Locale di None, che può essere usato sia con pattuglia in movimento che in stazionamento. I radar e la telecamere di cui è dotato documentano le infrazioni con immagini ad alta risoluzione corredate di tutte le informazioni necessarie alla contestazione della violazione. Inoltre, è in grado di operare con qualsiasi tipo di illuminazione, dunque anche in ore notturne.
Come funziona?
L’autovettura istituzionale della Polizia Locale è dotata di un apparato esterno (Radar), e di un apparato interno all’abitacolo con telecamere, infrarossi e un monitor touch screen. Attraverso il monitor l’operatore imposta il limite di velocità a seconda della tipologia della segnaletica presente su strada e in base alla modalità di misurazione prescelta il sistema può rilevare la velocità dei veicoli bersaglio, sia nel senso di marcia a quello della pattuglia che in quello contrario. Il dispositivo, tarato con la relativa tolleranza imposta dalla legge (+ 5 km/h fino a 100 km/h più un 5% oltre i 100 km/h), scatta e memorizza le immagini dei veicoli con velocità rilevate superiori a quelle impostatate segnalando le coordinate GPS del luogo dove è stato effettuato l’accertamento.Lo strumento Scout Speed deve essere omologato?
Lo strumento Scout Speed è stato approvato con il decreto dirigenziale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n.1323/2012 e successive estensioni.Lo strumento Scout Speed deve essere sottoposto a verifica periodica di funzionalità?
Lo strumento Scout Speed è sottoposto a verifiche periodiche annuali che consentono di accertare le perfette condizioni funzionali del dispositivo. Tali verifiche di funzionalità sono effettuate da un tecnico della casa costruttrice e consistono nel controllo funzionali e metrologici del dispositivo, della corretta corrispondenza dei numeri di serie di ogni componente a quelli del set originale.

Posso vedere dalla fotografia scattata, chi era alla guida del veicolo?
Con lo Scout Speed è possibile l’accertamento delle infrazioni misurando la velocità dei veicoli che circolano nella direzione opposta a quella della pattuglia nel pieno rispetto delle norme sulla riservatezza e di quanto disposto dalla Circolare del Ministero dell’Interno del 14 agosto 2009 (Direttiva per garantire un’azione coordinata di prevenzione e contrasto dell’eccesso di velocità sulle strade). Il dispositivo, infatti, operando con illuminatore IR e con un filtro sulla telecamera (che non permette il passaggio di frequenze diverse dalla luce infrarossa), oscura di fatto il parabrezza non rendendo visibili gli occupanti.
A tutela della riservatezza dei soggetti comunque visibili nelle foto (ad esempio pedoni o occupanti dei veicoli) l’operatore di polizia provvede ad oscurare le parti del fotogramma che riguardano gli stessi, come previsto dal Garante per la Protezione dei dati personali con la Deliberazione 8 aprile 2010 (par. 5.3.1 lett. b).

La Polizia Locale ha l’obbligo di fermare il veicolo che ha commesso l’infrazione?
Ai sensi del Codice della Strada – art. 201 – e secondo quanto previsto dal decreto di omologazione non sussiste l’obbligo di fermare il veicolo ai fini della contestazione della violazione.

La postazione deve essere segnalata?
Il decreto ministeriale 139/07, fornisce le direttive inerenti le modalità di segnalazione delle postazioni di rilevamento della velocità, chiarisce che la segnalazione non è prevista nel caso di rilevazione della velocità con modalità dinamiche, ovvero che le disposizioni in tema di segnalazione degli autovelox non si applicano per dispositivi installati a bordo dei veicoli istituzionali preposti alla misurazione della velocità in maniera dinamica quali l’apparecchio Scout Speed in dotazione alla Polizia Locale di None.

Per modalità dinamica non deve intendersi solo l’inseguimento ma anche le altre modalità di accertamento eseguite con il veicolo degli organi di Polizia Stradale in movimento, a fianco, o nel verso di marcia opposto, della vettura del presunto trasgressore dei limiti di velocità.

Questo è quanto disposto dal decr. del Ministero dei Trasporti n. 139/07 :

Considerato che l’art. 3, comma l, lettera b), del decreto-legge 3 agosto 2007, n. 117, si riferisce esclusivamente alle postazioni di controllo per il rilevamento della velocita’ stazionate lungo la rete stradale, e quindi le disposizioni inerenti non si applicano per i dispositivi di rilevamento mobili destinati a misurare in maniera dinamica la velocita’.

Ho ricevuto un verbale per eccesso di velocità (limite superato di oltre 10km/h): devo comunicare i dati della patente?
I dati del conducente devono essere dichiarati sempre, anche nel caso in cui il proprietario del veicolo sia il trasgressore. Se viene effettuata la comunicazione dei dati del conducente entro il termine di 60 giorni dalla notifica del verbale verranno decurtati i punti alla persona che era alla guida al momento della violazione, mentre se non effettui la comunicazione, oppure non vuoi comunicare chi era alla guida riceverai una sanzione da € 268,00 a € 1.142,00, oltre spese accertamento e notifica, ma non verranno decurtati i punti dalla patente di guida.

Lo Scout controlla solo la velocità di veicoli?

La strumentazione “Scout” può essere utilizzata sia in modalità “Scout Speed” (per misurazione della velocità) che in modalità “Scout”.

Nella modalità “Scout” possono essere compiute le seguenti opereazioni:

accertamenti fotografici su soste illecite;
controlli, tramite lettura targhe, e collegamento banca dati per accertamenti per circolazione di veicoli con revisione scaduta e in assenza di copertura assicurativa;
controlli, tramite lettura targhe, su veicoli rubati;
Registrazione video ambientali per documentazione di accertamenti vari relativi ad attività di polizia stradale che di controllo del territorio.
Queste operazioni vengono svolte sia in modalità dinamica (con autovettura della pattuglia in movimento) che in modalità statica (con autovettura della pattuglia in sosta a lato carreggiata).